Anne Zannoni

Annalisa Zannoni (detta Anne): lo sguardo che pietrifica, la voce che stordisce, i tentacoli che stritolano. Sono tutte caratteristiche...che non le appartengono. I tentacoli forse ma non ho mai guardato troppo bene. Anne vive in vari posti, basta che si trovino tutti sulla linea di partenza di una maratona qualsiasi. Di professione fa l'ottimista. Ha da tempo iniziato il suo processo di trasformazione in donna bionica, sostituendo con delle protesi fatte di sushi le articolazioni infortunate. E' a buon punto ma ultimamente si è fermata sul processo di bionicizzazione delle caviglie dove è richiesto del wasabi aggiuntivo. Presto però sarà ultimata e allora il suo progetto di conquista del mondo potrà continuare. E noi la seguiremo come in quel quadro dove c'era la libertà con le poppe di fuori (che però è di schiena e quindi tutti corrono per vedere cosa c'è davanti), anche se Anne è più pudica.

Una maratona di 7.771 storie e oltre

Raccontare le emozioni di una maratona? Praticamente impossibile. Vi raccontiamo una storia: una di 7.771 storie diverse, ma unite da un'unica esperienza di corsa.

La conta dei secondi

Uno, due, tre ... Avete presente quei numeri che vi scorrono davanti agli occhi dentro un quadrante? Magari quando correte, certo, perché no. Che vi capita...

L’illusionista

È il nostro cervello che ci fa vestire nonostante la temperatura gelida e la pioggia battente, ci fa uscire nel buio della sera a un'ora indecente e ci fa correre per una decina di chilometri su 2 piedi malandati.

gli ultimi articoli